<% @language="vbscript" %> Ultime notizie

Link utili
Segnala il Progetto Serenità sul tuo sito:clicca qui per ricevere le istruzioni ed il logo
Ti piace il Progetto Serenità? Come possiamo migliorare il sito? Mandaci i tuoi commenti.
Commenta il nostro sito

Segnala ad un amico

Domande più fraquenti (FAQ)

L’età è importante per ottenere il concepimento?

La fertilità della donna inizia nell’età adolescenziale e termina con la menopausa.

Statisticamente, la fertilità della donna è massima dai 19 ai 26 anni, poi diminuisce lentamente fino ai 36 anni circa dopo di che diminuisce rapidamente col crescere dell’età.

La fertilità dell’uomo inizia nell’età adolescenziale e non si annulla mai. Inizia però a diminuire consistentemente oltre i 40 anni.

Sono ormai sei mesi che cerchiamo un bimbo e non arriva…

Nell’età normalmente fertile è regolare che il concepimento avvenga anche oltre i sei mesi dalla ricerca, anzi, si considera una coppia normalmente fertile fino ad un anno di ricerca della gravidanza: statisticamente circa l’80% delle coppie in età fertile concepisce in questo periodo. Oltre tale periodo le coppie sono considerate “subfertili” ed è utile iniziare a svolgere qualche indagine, rivolgendosi al proprio medico di fiducia. Ma non preoccupatevi più del necessario. Circa il 55% di queste coppie, che non abbiano chiari motivi di sterilità, concepisce naturalmente nei successivi 36 mesi!

Il Progetto Serenità mira, oltre che a valutare l’efficacia della Regolazione Naturale della Fertilità (RNF) nella ricerca della gravidanza, anche ad aiutare le coppie ad individuare precocemente eventuali problemi. Per questo anche solo dopo pochi mesi di ricerca della gravidanza consigliamo, in ogni caso, di rivolgersi ad un Insegnante RNF che vi insegnarà ad osservare ed interpretare i segni e sintomi della vostra fertilità in modo da accelerare l’ottenimento della gravidanza e ad individuare precocemente sintomi anomali che possano consigliare qualche approfondimento diagnostico. Questo è uno degli scopi secondari del Progetto Serenità: partecipate anche voi!

 

Cos’è la Regolazione naturale della Fertilità?

La RNF, spesso conosciuta con l’abbreviazione “Metodi Naturali” (MN), è un insieme di metodologie di conoscenza che aiutano la donna a capire il proprio corpo e le sue leggi tramite l'osservazione che essa fa su di sè.

Sono quindi strumenti di conoscenza che aiutano la coppia a capire i propri tempi di fertilità e sterilità.

Sono strumenti educativi per una crescita globale della coppia.

Secondo la definizione dell'organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) "Sono metodi che si basano sulla conoscenza dei processi biologici per cui una gravidanza può essere ricercata o evitata grazie all'osservazione dei segni e dei sintomi della fase fertile del ciclo mestruale. Quando si vuole evitare una gravidanza ci si deve astenere dai rapporti sessuali durante la fase fertile del ciclo, quando la si ricerca si possono utilizzare con precisione i giorni fecondi'".

Tale definizione presuppone una precisa conoscenza dei processi biologici della fertilità, ma al tempo stesso richiede una sessualità di coppia che si esprima in modo armonico con l'alternanza dei tempi di fertilità e di sterilità.

A questo modo di vivere la sessualità si può arrivare attraverso diverse strade, diverse motivazioni e tensioni. Alcuni pongono l'accento sulle motivazioni ecologiche, altri su quelle psico-pedagogiche, altri ancora su quelle antropologico-religiose.

È importante che ogni coppia, pur partendo dalla motivazione che ritiene più significativa, sviluppi un po' alla volta una grande capacità di interrogare la propria sessualità e tutto ciò che con essa è implicato."

 (M. BARBATO, La Regolazione Naturale della Fertilità: scienza, cultura, esperienza, Ed. Codit, 1993)

Per acquistare il libro, rivolgiti alla tua libreria di fiducia oppure scrivi una mail a mail@metodinaturali.it

Oppure scrivi a: la Bottega dell’Orefice, Via San Cristoforo 3-5 20144 Milano

 

 

I Metodi Naturali sono sicuri?

I Metodi Naturali, basandosi su una precisa conoscenza della fisiologia riproduttiva, sono metodi altamente efficaci per la regolazione della fertilità a condizione che siano correttamente insegnati, correttamente imparati e che siano rispettate le loro regole d'uso.

Una recente ricerca sulla loro efficacia effettuata per evitare la gravidanza in nove paesi europei ha riportato che il tasso di gravidanze indesiderate in donne che utilizzano i Metodi Naturali è favorevolmente paragonabile a quello dei mezzi contraccettivi più comunemente usati non presentando però i loro effetti collaterali.

Dal Progetto Serenità ci si aspetta di ricavare l’efficacia della RNF nel caso di ricerca della gravidanza. Anche in questo caso, in base ai dati della letteratura scientifica, ci si aspettano dati favorevolmente paragonabili a quelli della PMA, anche in questo caso senza i suoi effetti collaterali.

 

I Metodi Naturali presentano dei problemi?

I Metodi Naturali richiedono una buona motivazione per l'uso e costanza nell'osservazione che deve essere attenta e quotidiana per cogliere i segni e i sintomi di fertilità. Questi possono risultare talvolta poco chiari o difficilmente interpretabili; è indispensabile quindi l'aiuto di un insegnante qualificato.

 

Perchè è importante conoscere il proprio corpo?

"Sempre più donne si avvicinano alla regolazione naturale della fertilità perché trovano affascinante conoscere il proprio corpo.

Conoscere i processi della fertilità della coppia e scoprirne i segni nel proprio corpo stupisce e nello stesso tempo dà sicurezza in se stessi.

L'essere fertili o sterili non viene più percepito come una incognita e non viene più vissuto in modo negativo o con paura. La fertilità non è dunque una condizione che deve essere controllata ed ostacolata ma appare come una parte costitutiva della propria quotidianità e della propria persona.

Questo non vale solo per le donne, ma anche per l'uomo, che partecipa e diviene consapevole della fertilità sua e della sua donna.

Molte donne riferiscono di aver sperimentato una grande e piacevole sorpresa quando si sono rese conto di poter diagnosticare con chiarezza la propria fertilità, osservando tutto ciò che accade nel proprio corpo, senza dover ricorrere a medici o a qualche strumento tecnologico.

Quanto le osservazioni soggettive resistano a criteri oggettivi è un fenomeno che sorprende perfino certi rappresentanti scettici del mondo medico."

 (Da La Regolazione naturale della fertilità oggi di P. FRANK, E. RAITH, G. FREUNDL, 1994, cic Edizioni Internazionali)

Per acquistare il libro, rivolgiti alla tua libreria di fiducia oppure scrivi una mail a mail@metodinaturali.it

Oppure scrivi a: la Bottega dell’Orefice, Via San Cristoforo 3-5 20144 Milano

 

 

Perchè la fertilità in un uomo e una donna ha manifestazioni diverse?

UOMO

Ogni uomo sano e sessualmente maturo è sempre fertile, per tutta la vita, dalla pubertà alla senescenza.

DONNA

Ogni donna sana e sessualmennte matura non è sempre fertile, lo è solo alcuni giorni durante il suo ciclo

dal menarca alla menopausa.

 

Le differenze fisiche tra l'uomo e la donna che significato hanno oltre quello sessuale?

Il corpo di ogni persona umana indica già la differenza. Non a caso il maschio ha le spalle più larghe ed il bacino stretto; la femmina ha il seno sviluppato ed i fianchi larghi e non calcificati; il maschio ha i genitali all'esterno e la femmina all'interno; il maschio è sempre fertile, la femmina ha un inizio di fertilità ed una fine - menopausa - e durante tale periodo ha un'alternanza di periodi di fertilità e di sterilità; il maschio produce spermatozoi, la donna "fa maturare" ovuli che ha da sempre.

Tali differenze corporee indicano un compito e fanno anche capire le altre differenze a livello psicologico.

Lo scoprire le differenze, aiuta a capire che esse indicano la preziosità della persona in quanto maschio o femmina e a non appiattirsi in una uguaglianza che di fatto non esiste. Ogni gesto, ogni parola, ogni azione porta dentro la mascolinità o la femminilità di chi la compie.

Riconoscere ciò:

- rende evidente la pari dignità tra maschio e femmina in quanto persone (corpo personale)
- evita di banalizzare la sessualità e di diluire le caratteristiche maschili e femminili.

 

Cos’è la PMA?

La PMA (Procreazione Medicalmente Assistita), chiamata anche Fecondazione Artificiale, sono una serie di tecniche rivolte a facilitare o addirittura ad effettuare artificialmente la fecondazione.

Esistono varie tecniche, suddivise in 3 livelli:

La PMA è sicura?

Secondo le statistiche del Ministero della Salute Italiano, l’efficacia della PMA è attorno al 25-30% dei casi.

Presenta però una serie importante di effetti collaterali, in particolare:


Associazione Sintotermico CAMeN -  Progetto Serenità info@serenita.org via San Cristoforo 3-5 20144 Milano
Sviluppo web By  C.R.Consult  - logo By Filippo Castellano  -
Sito ottimizzato per I.E. risoluzione 1024x768 - Per I.E. 8 attivare "Tool Compatibility View"